ritenzione idrica

in Acqua&Benessere - Scritto da Acqua Santo Stefano

La ritenzione idrica è un disturbo che colpisce soprattutto le donne, addirittura il 30% della popolazione italiana femminile, e consiste nell’accumulo in eccesso di liquidi nell’organismo, soprattutto localizzati in zone quali addome, fianchi, cosce e glutei.

I sintomi che manifestano la presenza di ritenzione idrica sono:

  • -Gonfiore nell’area dove ristagnano i liquidi (edema)
  • -Pelle scolorita;
  • -Aree dell’epidermide che al tocco risultano frastagliate;
  • -Sensazione dolorosa nelle zone con edema;
  • -Aumento di peso.

La ritenzione idrica può essere combattuta in vari modi, ma soprattutto può essere contrastata da una corretta alimentazione, idratazione e sport. Quindi ecco come combattere la ritenzione idrica con uno stile di vita sano.

Dieta contro la ritenzione idrica

Adottare una dieta contro la ritenzione idrica non è difficile come si può immaginare. Innanzitutto  è necessario ridurre il consumo di sodio e sale che stimola la ritenzione idrica, e assumere alimenti che contengono magnesio e Vitamina B6 come:

  • -Fagioli
  • -Noccioline
  • -Cereali Integrali
  • -Banane
  • -Noci
  • -Patate

Sono da evitare i cibi fritti o arrostiti, infatti la perfetta modalità di cottura per combattere la ritenzione idrica è quella al vapore o ai ferri.

Combattere la ritenzione idrica con lo Sport

Oltre ad un regime alimentare sano, per combattere la ritenzione idrica è necessario praticare regolarmente attività fisica.

Uno stile di vita sedentario favorisce l’accumulo di liquidi nei tessuti, facilitando l’insorgenza del disturbo. Ma non bisogna dimenticare che anche stare in piedi per troppo tempo avrebbe i medesimi effetti.

L’attività fisica, infatti, aiuta il benessere del reticolo venoso stimolando e coadiuvando la circolazione sanguigna e linfatica.

Qualora non fosse possibile praticare sport regolarmente, allora è bene sapere che anche lunghe camminate possono giovare al nostro organismo, passeggiate a passo svelto che stimolano la circolazione sanguigna, favorendo lo smaltimento dei liquidi in eccesso.

L’utilità di un’acqua povera di sodio

L’acqua è fondamentale per essere idratati ed espellere i fluidi in più attraverso la minzione.

Bere quotidianamente un’acqua povera di sodio, può anche aiutare a diminuire i livelli assunti del minerale, in modo da combattere la ritenzione idrica.

Acqua Santo Stefano, con le sue caratteristiche organolettiche, ti aiuta a prenderti cura della salute del tuo corpo!

Articoli Correlati

come-acqua-santo-stefano-protegge-l-ambiente
Dalla natura alle iniziative aziendali: Ecco come Santo Stefano protegge l’ambiente 

Rispetto e tutela dell’ambiente, per un prodotto 100% naturale: questa è la politica aziendale che caratterizza da sempre Sorgenti Santo Stefano.  

vuoto-a-rendere-vantaggi
Acqua in vetro con vuoto a rendere: i vantaggi di questa buona pratica

Periodicamente in Italia ritorna il dibattito sulla gestione dell’acqua in vetro con vuoto a rendere e dei motivi per cui questa opportunità non sia stata ancora colta. Eppure, appena tre anni…

come-leggere-i-simboli-di-riciclo-sulle-etichette-delle-bottiglie (2)
Simboli di riciclo sulle bottiglie: come leggere la nostra etichetta

Quante volte ci capita di avere una bottiglia tra le mani, osservare la presenza di simboli anche sulle etichette e non essere sicuri di saperli interpretare correttamente? Per evitare ogni dubbio e informarti su come dovrai riciclare le nostre bottiglie d’acqua in…