acqua e sport

in Acqua&Benessere - Scritto da Acqua Santo Stefano

La correlazione fra acqua e sport è molto stretta, poiché bere durante l’attività fisica è davvero importante per il benessere dell’organismo degli atleti.

Ma se normalmente per mantenere una corretta idratazione l’ideale è bere 2l di acqua al giorno, quanta acqua dobbiamo bere mentre ci alleniamo? E inoltre, quale tipologia d’acqua dobbiamo preferire?

L’idratazione nello sport: perché è così importante?

Spesso si sottovaluta quanto sia importante l’idratazione nello sport. Quando facciamo esercizio fisico l’acqua è essenziale per:

  • -Mantenere i livelli ematici
  • -Regolare la temperatura corporea
  • -Consentire ai muscoli di contrarsi in maniera ottimale

Quando il corpo si disidrata, perdendo una quantità di liquidi corrispondente al 2% della massa corporea, le performance fisiche e mentali subiscono un tracollo e aumenta eccessivamente la frequenza cardiaca. In queste condizioni, mentre ci si allena, sembrerà che gli esercizi siano molto più difficili e stancanti del solito, specialmente quando ci si trova in un luogo caldo e umido.
Perderne più del 2% può comportare:

  • -Nausea
  • -Vomito
  • -Diarrea
  • -Problemi gastrointestinali

Ma la correlazione fra acqua e sport non termina qui, poiché la termoregolazione corporea per funzionare necessita del giusto apporto d’acqua.

Sudorazione, termoregolazione e acqua

Sudando durante un allenamento, perdiamo molti liquidi che è necessario rimettere. Molto spesso gli atleti incorrono in un deficit di acqua, poiché non riescono a reintegrare subito i fluidi che sono andati persi.

I meccanismi termoregolatori dell’organismo hanno bisogno di sufficiente acqua per funzionare. Durante l’allenamento il corpo genera energia termica, che a sua volta è responsabile dell’aumento della temperatura che per essere abbassata ha bisogno del sudore. Se nel corpo non è presente un quantitativo d’acqua tale da permettere la sudorazione, allora il “sistema di raffreddamento” naturale del nostro corpo non funzionerà, danneggiando il sistema circolatorio e nervoso.

Ma come possiamo sapere quanto è necessario bere?

Quanto bere?

Capire quanto bere durante l’allenamento non è difficile. Per venire a conoscenza della quantità d’acqua di cui necessitiamo durante l’attività fisica, bisogna misurare l’ammontare dei liquidi che si perdono durante gli esercizi.

Per farlo bisogna:

  1. -Misurare il proprio peso corporeo prima dell’allenamento ma dopo aver urinato
  2. -Pesarsi nuovamente in seguito all’attività fisica e dopo essersi asciugati

La variazione di peso indicherà i liquidi che abbiamo consumato.

Bisogna ricordare che la perdita di peso che occorre subito dopo un allenamento, non indica una diminuzione di massa grassa. Infatti, i liquidi che abbiamo consumato, vanno reintegrati immediatamente bevendo acqua.

Una volta che abbiamo capito quanto bere durante l’esercizio fisico, dobbiamo capire quando farlo. Anche per questo non c’è una regola precisa, poiché le tempistiche variano da persona a persona. In linea di massima l’ideale è iniziare l’attività fisica ben idratati, ma senza eccedere, poiché correremmo il rischio di interrompere l’allenamento per urinare o di sentirci gonfi.

In base alla quantità di liquidi che perdiamo, dobbiamo sviluppare un “drinking plan” per sopperire alla carenza d’acqua gradualmente.

Quale acqua scegliere?

Bere acqua minerale è sufficiente per idratare correttamente l’organismo prima e dopo l’allenamento. Inoltre, degli studi condotti dall’University of Ondokuz Mayis hanno evidenziato, come per sessioni di allenamento di poco più di un’ora, bere semplicemente acqua minerale è sufficiente anche per reintegrare tutti i sali minerali persi.

Acqua Santo Stefano è ideale, con la sua naturale leggerezza, per essere bevuta dagli sportivi e per sopperire a tutte le loro esigenze in fatto di idratazione!

Articoli Correlati

vuoto-a-rendere-vantaggi
Acqua in vetro con vuoto a rendere: i vantaggi di questa buona pratica

Periodicamente in Italia ritorna il dibattito sulla gestione dell’acqua in vetro con vuoto a rendere e dei motivi per cui questa opportunità non sia stata ancora colta. Eppure, appena tre anni…

come-leggere-i-simboli-di-riciclo-sulle-etichette-delle-bottiglie (2)
Simboli di riciclo sulle bottiglie: come leggere la nostra etichetta

Quante volte ci capita di avere una bottiglia tra le mani, osservare la presenza di simboli anche sulle etichette e non essere sicuri di saperli interpretare correttamente? Per evitare ogni dubbio e informarti su come dovrai riciclare le nostre bottiglie d’acqua in…

mangiare-sano-in-quarantena
Mangiare sano in quarantena: quali cibi scegliere e come idratarsi di più

iat-in-quarantenSu questo i nutrizionisti non transigono: se non ci muoviamo più come prima, a cambiare dovrà essere anche la nostra alimentazione. Limitiamo dunque le porzioni di carni grasse e gli zuccheri raffinati e tra…