residuo-fisso-acqua

in Caratteristiche dell'acqua - Scritto da Acqua Santo Stefano

Leggendo i valori sulle etichette delle bottiglie, potresti chiederti che cos’è il residuo fisso dell’acqua (Total Dissolved Solids, in inglese).

La risposta è semplice! Il TDS è una misura precisa che permette di identificare il tipo di acqua, misurando la quantità di minerali per litro.

Ma fra di loro in cosa possono differire le varie tipologie di acqua? Che effetti hanno sull’organismo umano? Scopriamolo!

Che cos’è il residuo fisso dell’acqua?

Cominciamo col dire che nell’acqua leggera sono presenti meno minerali rispetto a quella pesante.

Il residuo fisso, è una delle principali caratteristiche chimico-fisiche dell’acqua, è misurato in mg/l e serve appunto per misurare la quantità di minerali che rimane dopo l’evaporazione di 1 litro d’acqua a 180°.

In base al TDS le varie tipologie di acqua che si possono distinguere sono:

  • Minimamente mineralizzate: <50 ml/l
  • Oligominerali: 51-500 mg/l
  • Mediominerali: 501-1500 mg/l
  • Ricche in Sali minerali: >1500 mg/l

Ovviamente, le varie tipologie non incidono sulla qualità dell’acqua, ma sull’uso che se ne deve fare.

Come spiega il presidente del comitato scientifico del convegno di Aquitaly Alessandro Zanasi “l’acqua minerale va considerata una bibita e ha proprietà salutistiche che bisogna conoscere, insieme alla composizione, per sfruttarle a pieno.”

Il residuo fisso ti serve, quindi, non per determinare la qualità dell’acqua, ma come strumento per capire quale è più adatta alle tue esigenze!

L’acqua oligominerale

Nel 1983 è stato stabilito, a norma di legge, che un’acqua  per essere considerata oligominerale deve avere un residuo fisso inferiore ai 500 mg/l.

Questa, è adatta per curare particolari patologie come la calcolosi delle vie urinarie, la gotta, ecc.

L’acqua oligominerale è anche adatta per essere somministrata durante le diete o a bambini molto piccoli, poiché l’apporto di sali minerali è minimo.

Acqua Santo Stefano ha un residuo fisso di 245 mg/l, cosa che la rende utile per accompagnare una corretta alimentazione e combattere la ritenzione idrica.

Articoli Correlati

quando-dare-acqua-ai-neonati-e-quale-scegliere
Quando iniziare a dare acqua ai neonati (e quale scegliere)

Quando bisogna somministrare acqua ai lattanti? Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, non prima dei 6 mesi, a patto le dovute eccezioni.

bottiglie-di-plastica-pet-caratteristiche
Bottiglie di plastica PET: significato, caratteristiche e riutilizzo

La sigla PET sta per polietilene tereftalato: si tratta di una materia sintetica che trae origine dalla famiglia del poliestere e realizzata con petrolio, gas naturale e materie prime pregiate….

acqua-frizzante-fa-ingrassare
L’Acqua Frizzante fa (Veramente) Ingrassare? Ecco Quello che Devi Sapere

L’acqua frizzante (gassata o gasata, come preferisci definirla) fa realmente ingrassare? La risposta è NO. Questa infatti detiene lo stesso apporto calorico dell’acqua minerale naturale, ovvero zero calorie. L’acqua gassata…