Come bere più acqua in inverno: trucchi e consigli per idratarsi

Che bere acqua sia un toccasana per la salute è un dato assodato, ma avere sete con le rigide temperature invernali non è affatto scontato. Eppure i benefici dell’acqua non conoscono stagionalità: durante i mesi invernali infatti, introdurre liquidi è fondamentale.

Al giorno d’oggi siamo ben informati sull’importanza di una corretta idratazione. In tal senso, bere è fondamentale fin dall’infanzia e stabilire un buon rapporto con l’acqua, fin da piccoli, ci aiuta a essere adulti più sani e in forma.

L’acqua ha diverse proprietà benefiche, per cui anche durante l’inverno non dobbiamo dimenticare di berne almeno due litri al giorno. Quando entriamo nelle stagioni fredde, tuttavia, non sempre si ha voglia di bere. 

La routine quotidiana fatta di lavoro e di impegni ravvicinati, spesso, ci costringe a essere frettolosi anche nei momenti che dovrebbero essere dedicati alle pause e ai pasti. Ed ecco che ci dimentichiamo proprio di un gesto semplice ma fondamentale per il nostro benessere: bere.

Perché bere acqua in inverno è così importante?

Bere è un costante esercizio di benessere. Attraverso l’acqua, infatti, possiamo preparare bevande e infusi che ci aiutano a idratare, ma anche a sentirci meglio quando mal di gola e raffreddore diventano i protagonisti della stagione autunnale ed estiva.

In un regime di sana e corretta alimentazione, bere acqua o bevande a base d’acqua contribuisce a:

Contrastare i malanni di stagione come influenza e raffreddore;

  • Regolarizzare la temperatura corporea in caso di febbre, reintegrando i liquidi persi dopo la sudorazione che segue la somministrazione di un antipiretico ;
  • Mantenere una corretta umidità della mucosa nasale e della gola, così da consentire l’espulsione del muco;
  • Contrastare il senso di stanchezza e spossatezza che è conseguenza di una scarsa idratazione.
  • Salvaguardare la pelle dall’azione disseccante del freddo, prevenendo piccole lesioni, arrossamenti e vesciche che possono formarsi proprio sulla pelle troppo secca e disidratata, come per esempio intorno alle labbra e sulle mani.
  • Aiuta a eliminare i liquidi in eccesso e le tossine, prevenendo accumuli come la cellulite, ma anche il gonfiore addominale, in un periodo in cui siamo meno attivi e meno propensi all’attività fisica all’aria aperta.

Come abbiamo visto finora, bere acqua non solo è importante per la nostra salute, ma anche per la nostra bellezza. È anche vero che, complice il clima più freddo, abbiamo meno sete. Ma niente paura: con i nostri consigli su come bere più acqua in inverno e rimanere perfettamente idratati potrai trovare dei suggerimenti utili che ti aiuteranno.

Porta una bottiglia d’acqua con te

Mai uscire di casa senza una bottiglia di acqua. Con l’Acqua Santo Stefano da mezzo litro, potrai portare in borsa l’acqua necessaria per non “dimenticare” di bere. Ogni volta che passi da un ambiente freddo a uno riscaldato dovresti bere, proprio per combattere i disagi che possono essere causati dalle escursioni termiche.

In particolare, se sostiamo a lungo in ufficio, a scuola o nelle aule di università, dove è presente un riscaldamento dei locali abbastanza forte, bere ti aiuterà a combattere la secchezza alla gola, sarà di sollievo in caso di raffreddore e ti aiuterà a contrastare la secchezza oculare, soprattutto se si passa molto tempo al pc.

Non mettere l’acqua in frigo

Diciamo la verità: c’è chi non sa rinunciare all’acqua fresca presa dal frigorifero e chi la vive come un un blocco in inverno. In particolare, se si è digiuni da parecchio tempo, l’acqua fredda offre una sensazione spiacevole. 

Lasciare l’acqua a temperatura ambiente, se da una parte disseta di più (e meglio), dall’altro lato aumenta la sensazione di sete, per cui siamo portati a bere più spesso.

Bevi acqua e limone la mattina

Iniziare ogni giornata con una tazza di acqua calda e limone al mattino. A questa miscela detox si può aggiungere anche dello zenzero, per ottimizzare ulteriormente l’azione disintossicante per l’organismo. 

In particolare in inverno siamo più propensi a consumare alcolici e a mangiare cibi più ricchi di grassi e dolci. Con questo rimedio è possibile combattere l’acidosi e allo stesso tempo idratarsi.

Si a tè, tisane, infusi e acqua aromatizzata

L’acqua può essere sostituita attraverso l’assunzione di preparati caldi, che ci aiutano a combattere anche il freddo invernale. Scegliere dei preparati sani, consumati senza zucchero, può essere un ottimo rimedio per contrastare la disidratazione invernale. 

Il tè verde, per esempio, è un ottimo alleato per la salute, in quanto gli sono riconosciute proprietà antitumorali, idratanti e dalla potente azione drenante e anti-age. Al te nero è riconosciuto, invece, il vantaggio di aiutare la mente a mantere lucidità e al corpo l’energia; mentre quello rosso è ricco di antiossidanti.

E se non si riesce a tollerare la teina? Si può optare per una miscela deteinata oppure scegliere di consumare infusi e tisane! In caso di raffreddore e mal di gola, tra le tisane invernali utilizzate come rimedio decongestionante c’è quella a base di zenzero, miele e limone. Molto apprezzate sono le tisane e anche gli infusi a base di tarassaco, bardana, ortica e/o finocchio, che hanno invece un effetto detox e sgonfiante in un periodo dove siamo portati a vivere di più al chiuso e a essere maggiormente sedentari.

Un ottimo infuso da preparare? A base di melograno e acqua oligominerale: si ottiene così una dissetante bevanda multivitaminica e anti-age. Tra i benefici del melograno:

  • Previene patologie aterosclerotiche;
  • Antitumorale, grazie ai flavonoidi e all’acido ellagico contenuti;
  • Azione astringente, combatte la diarrea;
  • Protegge il fegato;
  • Rinforza il sistema contro le allergie;
  • Azione antinvecchiamento.

DAI UNO SGUARDO A TUTTE LE NOSTRE RICETTE.

Consuma cibi piccanti: impara a utilizzare le spezie a posto del sale

I cibi saporiti, non è un segreto, stimolano il senso di sete. Tuttavia l’utilizzo del sale deve essere guidato dal buon senso soprattutto se si soffre o si può essere maggiormente esposti a patologie come l’ipertensione.

In mancanza di particolari allergie alimentari, si può sostituire il sale, rendendo i cibi saporiti attraverso l’utilizzo delle spezie, che potranno dare ad alcuni dei tuoi piatti un sapore piccante, che consente di aumentare la sensazione di sete durante i pasti.

Prepara zuppe e vellutate: i segreti di un’alimentazione ricca di acqua

Un altro metodo per consumare acqua mentre si mangia è integrare l’alimentazione con zuppe, brodo oppure vellutate a base di verdure. Il calore di questi cibi, quando fuori piove e fa freddo, è una vera e propria goduria ed ha un effetto rinfrancante! 

Tra i piatti principali ci possono essere brodo vegetale oppure a base di pollo, ma uno dei protagonisti indiscusso è sicuramente il minestrone, che richiede ingredienti poveri e tanta acqua.

Come preparare un buon minestrone per introdurre il giusto apporto di liquidi? Si consiglia l’utilizzo di verdure verdi, ricche di clorofilla e dunque depurative; quelle bianche, in quanto sgonfiano e purificano le vie urinarie, e quelle arancioni, con betacarotene, poiché rinforzano il sistema immunitario.

Via libera anche alle patate, ricche di acqua e potassio, e alle erbe aromatiche, da utilizzare in sostituzione al dado da cucina industriale: quest’ultimo infatti o contiene un’alta concentrazione di glutammato monosodico (che provoca ritenzione idrica e mal di testa) o è comunque pieno di grassi vegetali, sali e lieviti.

Concediti un quadratino di cioccolata fondente

Come abbiamo detto in precedenza, complice il freddo, il maggior tempo trascorso a casa e la voglia di concedersi un piccolo peccato di gola può portare a comportamenti poco corretti, soprattutto se parliamo di comfort food. 

Per concedersi un piacere senza troppi pentimenti si può consumare un quadrato di cioccolato fondente, con un minimo di 75% di cacao. Questo non solo è un rimedio per l’umore, ma presenta anche un’azione antiossidante e invoglia a bere. L’importante è limitare il consumo a pochi grammi al giorno senza esagerare.

Scegli alimenti ricchi di acqua per una corretta idratazione

Gli alimenti ricchi di acqua sono fondamentali per integrare acqua. Il consumo di frutta e verdura, in almeno 5 porzioni giornaliere, suddivise tra i pasti principali e gli spuntini, può aiutare a integrare la giusta dose di liquidi, necessaria al fabbisogno giornaliero.

La frutta è perfetta anche a inizio giornata, a colazione: leggi l’articolo dedicato a Come iniziare una giornata di benessere: ecco quale frutta scegliere a colazione.

Durante i mesi invernali non possono mancare nel tuo carrello della spesa: cetrioli, carciofi, sedano, finocchio, lattuga, cicoria, verdure rosse (es. ravanelli e radicchio), zucca, arance e pompelmi.

Infine… Quanta acqua bisogna bere al giorno? La formula

Sapevi che esiste una formula matematica per decifrare di quanta acqua necessiti al giorno? Ricavarla è semplicissimo:

Peso+altezza/100

Es. Se sei alto 170 e pesi 60 kg, dovrai fare: 170+60=230/100 = 2,3. Il risultato ottenuto indica i litri di acqua che dovresti assumere quotidianamente.

Rimani in forma con Acqua Santo Stefano e idratati tutti i giorni. Con un basso residuo fisso, povera di sodio e con calcio e magnesio è perfetta per la preparazione di tè, infusi e tisane, ma anche per la preparazione dei pasti dei più piccini. Scopri Acqua Santo Stefano.

articolo pubblicato da
Acqua Santo Stefano
Acqua Santo Stefano, sgorga pura da una fonte incontaminata del Parco del Cilento e Vallo di Diano. È un'acqua oligominerale povera di sodio, ideale per tutta la famiglia.
Acqua&Benessere

Bere troppa acqua fa (davvero) male alla salute?

leggi di più
Acqua&Benessere

Salute degli occhi: come (e perché) una corretta idratazione aiuta la vista

leggi di più
Acqua&Benessere

Aziende sempre più green grazie agli impianti fotovoltaici

leggi di più