Acqua Santo Stefano rinnova la propria immagine: intervista

Acqua Santo Stefano cambia volto: effettuato il restyling delle etichette, per una comunicazione ancora più efficace ed essenziale. A raccontarlo, Francesca Garone, responsabile marketing dell’azienda.

In cosa differiscono le vecchie e le nuove etichette?

Acqua Santo Stefano ha deciso di rendere la sua immagine più moderna e lineare ideando un’etichetta ancora più essenziale in modo da essere più leggibile per il consumatore.

Cosa ha spinto Acqua Santo Stefano a rinnovare la propria immagine?

Ciclicamente rinnoviamo la nostra immagine per renderla più moderna, restando fedeli ai nostri valori quali la purezza, la trasparenza e la territorialità.

Cosa vuole comunicare la nuova identità?

La nuova identità vuole comunicare lo stretto rapporto tra acqua Santo Stefano e il territorio in cui sgorga, il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, e desidera trasmettere le caratteristiche benefiche della nostra acqua.  Il nostro intento è comunicare l’impegno costante di Acqua Santo Stefano verso l’ambiente, ponendo l’attenzione all’utilizzo di plastica riciclabile al 100%. 

Sulle attuali etichette è stato inoltre aggiunto il bollino che contiene meno dello 0,002% di Sodio.

Quali sono gli obiettivi futuri?

L’obiettivo nel breve termine è di traslare la comunicazione dei nostri valori anche sul fardello, in modo da essere più impattante la riconoscibilità e l’identificazione anche su scaffale.

News

Sistema di Gestione per la Qualità: Come e perché è importante la certificazione ISO 9001

leggi di più
News

Acqua Santo Stefano sostiene l’economia circolare: la nostra adesione al CORIPET

leggi di più
News

Simboli di riciclo sulle bottiglie: come leggere la nostra etichetta

leggi di più