Igiene e pulizia delle borracce d’acqua: come tenerle sempre pulite

La borraccia, oramai, è diventata una compagna quotidiana durante tutti i nostri spostamenti: al lavoro, in palestra, o semplicemente per il tempo libero. Ma sai come lavarla e igienizzarla in modo corretto?

Igiene e pulizia delle borracce d’acqua: come tenerle sempre pulite. La borraccia è un oggetto pratico e funzionale, che consente maggiore ecosostenibilità e rispetto dell’ambiente. Ma sei a conoscenza che una borraccia, se non lavata correttamente, può diventare rapidamente il luogo ideale per la proliferazione di germi e batteri?

Leggi anche: “Riciclo bottiglie di plastica: Acqua Santo Stefano abbraccia la filosofia ecosostenibile

Pulizia, igiene e manutenzione

C’è bisogno di una perfetta conservazione per garantire ottime prestazioni nel corso del tempo. La pulizia e la manutenzione, infatti, devono essere effettuate al fine di evitare problemi che potrebbero pregiudicarne l’efficacia. Questo vale sia per le borracce in acciaio inox, sia per tutti i tipi di contenitori ecologici. Ciò significa che una semplice sciacquata con acqua corrente non basta per evitare le contaminazioni dei microrganismi che pullulano nell’umidità, generando invisibili alghe, funghi, muffe, batteri, spore e altro. Scopriamo insieme come pulire le borracce in modo efficace a seconda del materiale con cui sono realizzate.

Come lavare la borraccia in alluminio

Si tratta di un materiale delicato e sensibile, che richiede una pulizia precisa e costante. Per questo motivo, si consiglia di utilizzare prodotti neutri o comunque leggeri. L’ideale è riempire la borraccia con acqua calda fino a metà con una goccia di detersivo, sciacquarla e poi asciugarla con cura. Un’altra opzione è quella di effettuare un lavaggio in lavastoviglie ad alte temperature (50-70°) con asciugatura e una pastiglia di detersivo. Meglio evitare aceto, succo di limone o bicarbonato che, a contatto con l’alluminio, possono contribuire alla riduzione della brillantezza e al conseguente annerimento.

Come lavare la borraccia in acciaio inox

Una delle scelte preferite dai consumatori, grazie alla sua resistenza e alla termicità è la borraccia in acciaio inox. Visto che può contenere diverse bevande come il caffè, va pulita in maniera ancora più accurata per eliminare sapori e cattivi odori. Anche in questo caso si consiglia il lavaggio in lavastoviglie ad alte temperature con pastiglie di detersivo. Prima di riporla, meglio effettuare un lavaggio con lo scovolino in modo da eliminare qualsiasi traccia di batteri.

Come lavare le borracce in vetro

È bene sapere che, soprattutto nel vetro, tende ad accumularsi il calcare che non può essere eliminato solo con semplici lavaggi: il calcare, infatti, si accumula sul fondo della bottiglia. In questo caso, è consigliato l’utilizzo di uno scovolino per bottiglie, molto efficiente per pulire lo strato di sporco nel fondo della borraccia. Al contrario degli altri materiali, è meglio evitare il lavaggio in lavastoviglie, utilizzando solo detersivo, scovolino e acqua calda.

Acqua Santo Stefano e l’ecosostenibilità

Le bottiglie di plastica Acqua Santo Stefano sono riciclabili e batteriologicamente pure. L’ambiente e il benessere dei consumatori sono la nostra priorità, ed è per questo che supportiamo appieno l’economia circolare, nello specifico con:

  • produzione di bottiglie in plastica PET 100% riciclabili;
  • adesione al CORIPET, consorzio volontario riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente, per raccogliere e riciclare le bottiglie in PET immesse sul mercato;
  • un nuovo imballaggio più eco-friendly e riciclabile.

La sigla PET sta per polietilene tereftalato, una materia sintetica che ha origine dalla famiglia del poliestere, che viene realizzata con petrolio, gas naturale e materie prime pregiate. Grazie alle sue proprietà, l’impiego del PET sul mercato produce una serie di benefici a sostegno della salvaguardia ambientale, ad esempio:

  • 100% riciclabile: materiale destinato al continuo riciclo senza perdite durante i processi di trasformazione;
  • resistente e duraturo nel tempo;
  • facile da lavorare;
  • peso limitato.

Ti potrebbe interessare anche: “Quanta acqua bevono gli italiani? Curiosità e dati a confronto

articolo pubblicato da
Acqua Santo Stefano
Acqua Santo Stefano, sgorga pura da una fonte incontaminata del Parco del Cilento e Vallo di Diano. È un'acqua oligominerale povera di sodio, ideale per tutta la famiglia.
Sete di Conoscenza

Acqua ai neonati durante lo svezzamento: quando e come iniziare

leggi di più
Sete di Conoscenza

Ricominciare ad andare in palestra: cosa bere per massimizzare i risultati?

leggi di più
Sete di Conoscenza

Fa male bere tanta acqua frizzante?

leggi di più