bere-acqua-e-bellezza-capelli

in Acqua&Benessere - Scritto da Acqua Santo Stefano

Non tutti sanno che una corretta idratazione, evita l’inaridimento della chioma e stimola l’organismo a liberarsi dalle tossine che possono provocare anche la perdita di capelli. Ma non solo, bere il giusto quantitativo di acqua, previene le irritazioni del cuoio capelluto, bruciori e arrossamenti.

Come l’acqua che beviamo fa bene ai nostri capelli

Bere tanta acqua favorisce il corretto funzionamento dell’organismo, aiuta il drenaggio degli organi e mantiene la pelle levigata e luminosa, ma mentre per la cute è sufficiente una percentuale di idratazione pari al 10%, i capelli necessitano almeno di un tasso del 15-17%.

Anche il cuoio capelluto, essendo infatti costituito da pelle, è soggetto a disidratazione e a tutti i disturbi che questa comporta:

  • Irritazione
  • Secchezza
  • Prurito

Una cute indebolita rende i capelli opachi, fragili e soggetti a spezzarsi, oltre che la formazione di forfora.

Ecco perché, se vogliamo una chioma folta, luminosa ma soprattutto in buona salute, è importante che sia ben idratata. Una scarsa o scorretta vascolarizzazione dei tessuti, ostacola infatti il naturale processo di ricrescita dei capelli.

Bevendo poca acqua diminuisce il flusso sanguigno che raggiunge le radici, e le sostanze nutritive utili per la salute dei follicoli non vengono correttamente assimilate. Conseguenza? I capelli già secchi e fragili, tendono ulteriormente a cadere, soprattutto durante il cambio di stagione.

Con l’avvento della primavera e dell’autunno infatti, i capelli tendono a cadere più del normale (come ben sappiamo!). Un ricambio fisiologico assolutamente normale e di routine, che avviene in sinergia con tutti gli altri organi. Durante questi mesi è quindi ancora più importante badare alla corretta idratazione della chioma, in modo che a seguito della caduta, rinascano dei capelli più forti e sani.

Bere acqua fa bene ai capelli: una beauty routine naturale

Per avere capelli forti e luminosi, non basta quindi solo coccolarli e trattarli con prodotti specifici, ma occorre tenerli ben idratati: l’acqua, grazie alle sue caratteristiche antiossidanti, rigenera la chioma dal suo interno, recuperando i liquidi persi e apportando all’organismo le vitamine e tutti i nutrienti necessari, per favorirne il benessere.

La nostra bellezza rinasce ad ogni sorso: non dimentichiamolo!

Ti potrebbe interessare: Organismo disidratato, quali sono i segnali (anche nei bambini) e cosa fare

Articoli Correlati

come-fare-raccolta-differenziata-ok
Come fare (correttamente) la raccolta differenziata ed evitare gli errori più comuni

Come fare la raccolta differenziata in modo corretto? Spesso a nostra insaputa commettiamo degli errori e le domande su dove gettare cosa sono piuttosto frequenti. In questo articolo, ti aiutiamo…

bambino-non-beve-che-fare
Il tuo bambino beve poca acqua? Trucchi e consigli per rimediare

I bambini come gli anziani hanno meno sviluppato il senso della sete e dunque avvertono meno l’esigenza di bere, quindi si tratta di una situazione molto comune.  

arsenico-nell-acqua
Arsenico nelle acque minerali in bottiglia: facciamo chiarezza

Le acque minerali imbottigliate contengono arsenico, un semimetallo pericoloso per la salute umana perché potenzialmente cancerogeno: in rete circola questa notizia risalente ai dati di una ricerca del 2010, pubblicata dalla rivista Scienze e realizzata all’interno del progetto Atlante…