Salute degli occhi: come (e perché) una corretta idratazione aiuta la vista

L’acqua è importante per la nostra salute e anche per il benessere degli occhi. Sapevi che i tessuti che formano l’occhio, tra cui il vitreo e la cornea, sono composti per il 93% di acqua? Proprio per la loro conformazione, questi tessuti hanno costantemente bisogno di idratazione.

Quando fa molto caldo e si perdono liquidi, oppure quando non si integra l’acqua in modo corretto, possiamo assistere a cambiamenti nell’aspetto degli occhi. Il viso appare stanco, spento, e gli occhi sembrano infossati.

Come la disidratazione impedisce la corretta produzione delle lacrime

I liquidi sono protagonisti di diversi processi che riguardano il nostro organismo. Parte di questi viene eliminata con le scorie. Ma cosa succede se non si integrano correttamente i liquidi nella propria dieta?

Quando il corpo è disidratato, assistiamo a un mutamento dei meccanismi di termoregolazione fino ad avvertire i più disparati sintomi, come per esempio crampi e debolezza. 

Il corpo, allora, attua delle strategie difensive, così da limitare l’utilizzo dei liquidi in diversi processi, tra cui proprio quello della produzione delle lacrime. Queste ultime sono necessarie per la formazione del film lacrimale che protegge l’occhio, lubrifica la cornea, apporta sostanze nutritive, migliora la trasparenza ottica della cornea e pulisce l’occhio.

La disidratazione come conseguenza della secchezza oculare

La disidratazione è la prima responsabile della secchezza oculare. L’occhio risulta meno protetto e facilmente irritabile, ed è soggetto a bruciori, arrossamenti e disturbi della vista. 

Questa disfunzione può sembrare banale; in realtà, è opportuno correre ai ripari con una corretta idratazione quotidiana per evitare infiammazioni croniche. In caso di disturbi frequenti, è sempre bene chiedere il parere di uno specialista.

L’acqua: la cura quotidiana per la salute del tuo corpo

Come abbiamo visto sin qui, l’acqua è indispensabile per la salute dei tuoi occhi e del tuo organismo. Il consiglio di bere almeno 1,5 litri o 2 litri al giorno ha lo scopo di assicurare al corpo il giusto fabbisogno, così da sovrintendere a tutti i processi necessari a un corretto funzionamento degli organi.

L’acqua oligominerale: un perfetto alleato di bellezza

Non chiamatela solo acqua! 

Sapevi che l’acqua ha caratteristiche diverse ereditate dal territorio in cui sgorga?

In base al percorso effettuato, l’acqua si arricchisce di preziosi minerali che aiutano a sostenere i quotidiani processi che coinvolgono tutto l’organismo. In tal senso, un’acqua oligominerale come Santo Stefano ti aiuterà a ristabilire una corretta idratazione grazie alla sua composizione.

L’acqua Santo Stefano sgorga purissima dall’omonima fonte, che si trova nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo Diano a 700 m s.l.m. Perfetta per la dieta quotidiana grazie alle sue preziose caratteristiche, essendo povera di sodio e con un basso residuo fisso, combatte la ritenzione idrica, facilita la digestione e migliora l’idratazione dei tessuti e anche degli occhi!

Acqua Santo Stefano è perfetta anche per chi pratica sport perché non solo è dissetante, ma aiuta a mantenere i giusti livelli di idratazione prima e dopo l’esercizio fisico integrando i sali minerali persi come Calcio e Magnesio.

Scopri tutte le caratteristiche di Acqua Santo Stefano e sceglila tutti i giorni per la tavola con i prodotti della Linea Classic: naturale, leggermente frizzante o frizzante.

Acqua&Benessere

Aziende sempre più green grazie agli impianti fotovoltaici

leggi di più
Acqua&Benessere

Come prevenire l’osteoporosi? Tutte le buone abitudini per ossa più forti

leggi di più
Acqua&Benessere

Acqua e sport: quando e quanto bere? Le raccomandazioni degli esperti

leggi di più