migliore-acqua-per-neonati

in Acqua&Benessere - Scritto da Acqua Santo Stefano

Molto spesso ci si chiede quale sia la migliore acqua per neonati, ma dare una risposta al quesito non è semplice, poiché ci sono molte variabili in gioco.

Quindi, vediamo di fare chiarezza sulla questione e scopriamo quali sono i parametri che l’acqua per bambini perfetta deve rispettare.

I neonati e l’acqua

I neonati hanno un fabbisogno giornaliero di acqua molto elevato, ma a soddisfarlo ci pensa il latte materno, composto dall’88% d’acqua. Nonostante questo, ci si potrebbe trovare difronte a situazioni in cui il bimbo presenta una perdita o un consumo straordinario di acqua, come vomito, diarrea o febbre. In questi casi il latte materno, da solo, non basta più.

Nel caso in cui il neonato non venga allattato al seno, allora si dovrà scegliere l’acqua ideale per diluire la polvere, qualora la scelta sia ricaduta sul latte solubile.

Appare quindi necessario, capire quale sia la migliore acqua per neonati in bottiglia, per far fronte a tutte queste particolari esigenze.

Anche l’acqua per lo svezzamento deve rispondere a particolari caratteristiche che vedremo nel paragrafo successivo.

Inoltre, i pediatri suggeriscono di utilizzare, nei primi mesi di vita del bambino, l’acqua conservata in contenitori di vetro.

Caratteristiche acqua per neonati: gli studi

Lo studio “Quale acqua per il bambino?” fissa dei parametri che una buona acqua oligominerale naturale deve avere per essere somministrata ai neonati.

In primis, l’acqua per bambini deve avere un residuo fisso molto basso, inferiore ai 500 mg/l e basse concentrazioni di minerali. Nello specifico l’acqua per i neonati deve avere meno di:

  • 10 mg/l di nitrati
  • 100 mg/l di calcio
  • 10 mg/l di sodio
  • 25 mg/l di cloro
  • 1,5 mg/l di fluoro

Inoltre, l’acqua non deve assolutamente contenere ammoniaca.

Acqua Santo Stefano

L’Acqua Santo Stefano rispetta tutti i parametri elencati nei paragrafi precedenti, contenendo una quantità di nitrati di soli 6,7 mg/l e 3,01 mg/l di sodio.

Inoltre, il residuo fisso è di soli 245 mg/l, rendendosi ideale anche per la preparazione delle pappe.

L’Acqua Santo Stefano è disponibile anche imbottigliata in contenitori di vetro.

Articoli Correlati

organismo-disidratato-segnali
Organismo disidratato: quali sono i segnali (anche nei bambini) e cosa fare

I 2/3 del nostro corpo è costituito da acqua, fondamentale per svolgere funzioni essenziali come la lubrificazione degli occhi, l’espulsione delle tossine e la digestione. Per disidratazione si intende la…

come-bere-piu-acqua-in-inverno-consigli
Come bere più acqua in inverno? Trucchi e consigli per idratarsi

Che bere acqua sia un toccasana per la salute è un dato assodato, ma avere sete con le rigide temperature invernali non è affatto scontato.  Eppure i benefici dell’acqua non…

Colesterolo Ematico
Perché l’Acqua Santo Stefano è benefica contro il colesterolo ematico

Un’indagine condotta afferma che il 90% degli italiani teme alterazioni nei valori del colesterolo ematico, e i rischi che tale alterazione comporta. Ma fortunatamente ci sono tanti e semplici accorgimenti…